Neoterocrazia!

«Mille braccia verso il sole accompagnano un grido: il possente grido della gioventù che non si arrende. Bene, quel grido ha oggi un nome: Neoterocrazia! Neoterocrazia è il manifesto esistenziale della “Giovinezza al potere”, grido di tutti coloro che – come noi – vogliono sovvertire il corrotto sistema di (pre)potere oggi imperante. Lanciare marinettianamente “la nostra sfida alle stelle” è il nostro intento, assaltare il futuro la nostra volontà. Questo non è che l’inizio». È con queste parole che Noah Mancini, addetto stampa del Blocco Studentesco, annuncia la pubblicazione del nuovo e dirompente manifesto neoterocratico. «Neoterocrazia nasce – continua Mancini – in maniera del tutto spontanea ed entusiastica durante una delle tante nostre riunioni; nasce come un grido di rivolta per fulminare e risvegliare le coscienze assopite dei giovani dimenticati e depredati del futuro dalle rapaci oligarchie di potere. Neoterocrazia – conclude Mancini – è più di un semplice manifesto: è l’urlo irriverente di una gioventù sana e ribelle che, a dispetto di una società vecchia e diffidente verso ogni forma di vera libertà, riscopre se stessa per scagliarsi, col sorriso sulle labbra, all’assalto dell’avvenire».

Manifesto della Neoterocrazia

Neoterocrazia è folgore dal cielo, è anelito di libertà, è giovane rabbia di irrequieti spiriti!
Neoterocrazia è il possente grido della gioventù che non si arrende!
Neoterocrazia è fior d’Italia, patria del Genio e della sregolatezza, del coraggio e del sorriso beffardo!
Neoterocrazia è il cuore esplosivo dei giovani spensierati e impavidi, temerari e un po’ sbruffoni!

Quando la società non ha più niente da dire, quando vive solo e unicamente per mantenersi ferocemente aggrappata e avvinghiata con le unghie adunche ai propri privilegi, quando non vuol saperne di morire, e quando anche muore vuole che tutto perisca con sé, è allora che il nostro grido di libertà ascende al cielo per poi fulminarti la coscienza!

Una nazione che non vive per i suoi giovani è una nazione senile, è una nazione morta, è una nazione smorta!

Allora basta giovanilismo!

Basta veline e velinate, canne e cannati, impasticcati e spiritati, tronisti e tronati!

Allora basta gerontocrazia!

Basta Soloni, padri costituenti, senatori, tromboni, mandolinisti, cruscanti, nonnisti e pannoloni!

!!!Neoterocrazia!!! Il “potere dei giovani”!

Noi siamo i neoterocrati!!!

Siamo il giovane entusiasmo che assalta l’avvenire!

Siamo esplosione di insana allegria contro paralitiche esistenze di plastica!

Siamo l’eros vibrante e febbrile dei nostri corpi di marmo!

Siamo il risveglio della vita di fronte a una poesia di Tirteo, l’armonica imponenza della Colonna Traiana, l’eroica bellezza d’un alto sentire, il gusto per la battuta allegra e salace, la goliardia dell’Angiolieri, l’ebbrezza delle serate alcoliche, gli sms d’amore per le belle ragazze e il volo d’Icaro verso il sole!

Vogliamo spodestare tutti i Titoni, gli Andreotti, i Di Pietro, i Costanzo, le De Filippi, i Costantino, i Santoro, i Travaglio e i travagliati!

Vogliamo prendere a calci moderati e lustranatiche, moralisti e moralizzatori, buonisti e temporeggiatori, decrepiti e soffocatori!

Vogliamo conquistare la vita!

La Giovinezza è conquista, è stile, è spirito, è innata pulsazione d’incandescenti passioni!

Vogliamo creare, innovare, sperimentare!

Siamo i neoterocrati!

Siamo la gioventù che non capisce, che non ci sta!

Siamo la tempesta purificatrice, il ciclone della rivoluzione, l’aurora sorridente d’una novella primavera!

Siamo coloro che vogliono, potentemente vogliono!

Siamo irrequietezza d’amore e soffio d’eternità!

Siamo l’irrazionale voglia di vivere!

Siamo i neoterocrati!

Siamo i migliori figli d’Italia!